Salute

4 incredibili miti sul vaginismo

, Jakarta – Il vaginismo è una condizione che colpisce i muscoli vaginali. Può stringere quando c'è penetrazione sessuale o quando vuoi usare un tampone. Di conseguenza, questa condizione rende la penetrazione vaginale dolorosa e talvolta impossibile.

Fortunatamente, questa condizione sta diventando più ampiamente conosciuta, quindi ci sono trattamenti che possono essere presi per superarla. Inoltre, la comunità più ampia deve anche capire cos'è il vaginismo, in modo da evitare vari tipi di fraintendimenti sul vaginismo.

Leggi anche: Ecco 6 modi giusti per mantenere pulita Miss V

Miti sul vaginismo

Oltre ai problemi psicologici, il vaginismo può essere causato anche da infezioni dovute a rapporti dolorosi. Pertanto, è meglio consultare un medico per scoprire cosa causa il vaginismo. Questo perché la causa del vaginismo può variare a seconda del problema che stai riscontrando.

Ci sono anche molti miti che circolano sul vaginismo che in realtà non sono veri. Per non sbagliare, conosciamo i seguenti miti sul vaginismo:

Mito: gli esercizi di Kegel curano il vaginismo

Gli esercizi di Kegel, eseguiti correttamente, sono un'ottima tecnica di rafforzamento dei muscoli del pavimento pelvico per molte donne e uomini. Tuttavia, qualcuno con il vaginismo non è la persona giusta per praticare gli esercizi di Kegel.

Quando una donna ha il vaginismo, all'inizio gli esercizi di Kegel dovrebbero essere evitati. Successivamente, può essere introdotto per aiutare con la funzione generale dei muscoli pelvici e del core durante determinati movimenti del corpo. Inizialmente, l'obiettivo del trattamento dovrebbe essere la capacità di riconoscere e rilassare consapevolmente i muscoli del pavimento pelvico.

È meglio ricevere un trattamento da un fisioterapista specializzato per la salute delle donne che può guidarti attraverso tecniche di immaginazione e biofeedback .

Mito: i dilatatori vaginali sono usati per "allungare" i muscoli

I dilatatori sono strumenti molto utili per le persone con vaginismo. Tuttavia, la sua funzione nel processo di trattamento non è tanto quella di "stirare" i muscoli rigidi del pavimento pelvico. I muscoli del pavimento pelvico sono in grado di allungarsi ben oltre quanto richiesto per il rapporto sessuale.

Il problema con il vaginismo è che il sistema nervoso centrale (cervello e tutti i sistemi correlati, compreso il midollo spinale e i nervi) invia segnali ai muscoli pelvici per trattenersi per ciò che percepisce o "ricorda" come doloroso: la penetrazione vaginale. Anche così, alcuni medici raccomanderanno comunque l'uso di dilatatori insieme alla terapia e alla consulenza.

Leggi anche: Sperimenta il vaginismo, questo è il modo per rimanere intimo con il tuo partner

Mito: può essere guarito senza bisogno di cure

Il mito più diffuso è che il vaginismo possa guarire da solo senza bisogno di cure. Questa ipotesi è certamente un grosso errore e rischia persino di far sì che il malato non tratti immediatamente la condizione esistente. Infatti, il vaginismo è spesso innescato da problemi psicologici e fisiologici, che rendono difficile godere di relazioni intime. Il vaginismo che viene curato, riduce anche le possibilità che questa malattia ritorni.

Mito: il vaginismo si verifica se il pene del tuo partner è troppo grande

L'ultimo mito afferma che il vaginismo si verifica spesso nelle donne che hanno partner con peni troppo grandi. In effetti, la dimensione del pene non ha nulla a che fare con i sintomi del vaginismo. Il vaginismo si verifica quando i muscoli vaginali si stringono, quindi non c'è spazio per la penetrazione anche se il partner ha una dimensione del pene non troppo grande.

Ricorda, fare sesso è anche finalizzato alla ricerca del piacere e della soddisfazione, non del dolore. Se provi dolore durante la penetrazione anche se l'hai fatto preliminari o altro rilassamento, dovresti parlare immediatamente con un medico o un sessuologo.

Puoi anche fissare immediatamente un appuntamento con un medico presso l'ospedale più vicino per discuterne direttamente con gli esperti. Anche prendere appuntamenti in ospedale ora può essere fatto tramite così non devi perdere tempo ad aspettare in fila in ospedale per un esame.

Leggi anche: 3 consigli per far profumare Miss V

Come trattare il vaginismo?

Il trattamento per il vaginismo di solito include diverse cose, come ad esempio:

Terapia sessuale e consulenza

Questo trattamento comporterà l'educazione sull'anatomia del corpo e su ciò che accade durante l'eccitazione e il rapporto sessuale. Riceverai anche informazioni sui muscoli coinvolti nel vaginismo. Questo può aiutare a capire come funzionano le parti del corpo e come risponde il corpo.

Nel frattempo, la consulenza può coinvolgerti da solo o con un partner. Può essere utile lavorare con un consulente specializzato in disturbi sessuali. Anche le tecniche di rilassamento e l'ipnosi possono favorire il rilassamento e aiutarti a sentirti più a tuo agio durante il rapporto.

Dilatatore Vaginale

Il medico o il consulente può consigliare di imparare a usare i dilatatori vaginali sotto la supervisione di un professionista. Metti un dilatatore a forma di cono nella vagina. Il dilatatore diventerà più grande in modo da aiutare i muscoli vaginali ad allungarsi e diventare flessibili.

Per aumentare l'intimità, chiedi al tuo partner di aiutarti a inserire un dilatatore. Dopo aver completato il trattamento con una serie di dilatatori, tu e il tuo partner potete provare a riconnettervi.

Fisioterapia

Se hai problemi a usare i dilatatori da solo, rivolgiti a un fisioterapista specializzato nel pavimento pelvico. Possono aiutarti:

  • Ulteriori informazioni su come utilizzare i dilatatori.
  • Scopri le tecniche di rilassamento profondo.
Riferimento:
Linea della salute. Accesso 2021. Vaginismo.
Dolore laggiù. Accesso nel 2021. 3 miti sul vaginismo.
Il sito della salute. Accesso 2021. 3 miti sul vaginismo a cui devi smettere di credere.