Salute

Questo è il motivo per cui la rabbia è anche chiamata malattia del cane pazzo

, Jakarta - Forse ora di rabbia non si parla tanto quanto qualche tempo fa. Tuttavia, ciò non significa che la rabbia sia scomparsa. Devi stare attento a non essere infettato da una malattia che viene spesso definita malattia del cane pazzo.

La rabbia è spesso definita una malattia del cane pazzo perché secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il novantanove percento delle cause sono dovute ai morsi di cane. La parola rabbia potrebbe anche essere stata molto sinonimo di cani che sono sempre arrabbiati e hanno la schiuma in bocca. Se vieni morso da un cane infetto da rabbia, puoi sviluppare una condizione dolorosa e persino pericolosa per la vita.

Leggi anche: 4 fatti sulla rabbia negli esseri umani

I sintomi dei cani infetti dalla rabbia

È necessario conoscere le caratteristiche degli animali colpiti da questo virus della rabbia. Questo per evitare che il virus della rabbia si diffonda a te. Alcuni dei sintomi che compaiono nei cani infetti dal virus della rabbia includono:

  • Sembra nervoso o spaventato.
  • Persone irascibili e facili da attaccare.
  • Febbre.
  • Bocca schiumosa.
  • Nessun appetito.
  • Debole.
  • Convulsioni.

Nelle prime fasi, i cani mostreranno sintomi come gli umani che hanno l'influenza. Si sentirà male, avrà mal di testa e prurito e disagio nell'area del morso. Quindi, sperimenterà una disfunzione cerebrale che renderà comportamenti strani, come aggressivi, irrequieti, irritabili, diventando più passivi e simili. Questo è il motivo per cui la rabbia è chiamata malattia del cane pazzo.

Leggi anche: Giornata mondiale della rabbia, ecco 2 vaccini antirabbici che devono essere riconosciuti

Trattamento della rabbia

Fortunatamente ora la disponibilità di vaccini per animali e umani ha portato a un forte calo dei casi di rabbia. Ora ci sono tre modi noti di gestire quando viene morso da un cane rabbioso, tra cui:

  • Maneggiare dopo aver morso. Nel gestire un morso di cane rabbioso, è necessario agire rapidamente, vale a dire lavare la ferita da morso il prima possibile con acqua corrente e sapone o detersivo per 10-15 minuti. Quindi l'area del morso viene data un antisettico.
  • Vaccinazione Pre-Esposizione (VAR). Questo metodo viene eseguito nel processo di manipolazione, ad esempio per ferite innocue a basso rischio come leccature della pelle, tagli, graffi o abrasioni (erosione, escoriazione), piccole ferite intorno alle mani, al corpo e ai piedi, viene fornito solo il VAR. L'OMS raccomanda che il VAR venga somministrato tre volte con la dose piena nei giorni 0, 7 e 21 o 28. Questo VAR può essere somministrato per via intramuscolare nell'area deltoide negli adulti e nella coscia anterolaterale nei bambini. Vaccinazione Il vaccino contro la rabbia VAR può essere somministrato anche precocemente prima di essere morsi, di solito per le persone che hanno un elevato contatto con animali, come: veterinari, tecnici che lavorano sugli animali, dipendenti di laboratorio che lavorano con il virus della rabbia, dipendenti di macelli, personale sanitario che gestiscono casi di lesioni da rabbia e lavoratori del bestiame che gestiscono animali che trasmettono la rabbia.
  • Somministrazione del siero antirabbico (SAR). Questa è un'immunizzazione passiva che mira a fornire immediatamente anticorpi neutralizzanti prima che il sistema immunitario del paziente sia pronto a produrre i propri anticorpi che si verificano 7-14 giorni dopo la somministrazione di VAR. Mentre il SAR viene somministrato una volta all'inizio della vaccinazione. Le iniezioni SAR sono molto necessarie se la ferita da morso deve essere suturata.

Leggi anche: Si scopre che la rabbia è difficile da rilevare attraverso gli esami del sangue

Per saperne di più sulla rabbia, puoi anche chiedere al tuo medico di . Il medico fornirà una spiegazione dettagliata della rabbia tramite chat nell'applicazione .

Riferimento:
Linea della salute. Estratto 2020. Rabbia.
Organizzazione mondiale della Sanità. Estratto 2020. Rabbia.