Salute

Ulteriori informazioni sulle emergenze di ipertensione

Jakarta - Come suggerisce il nome, un'emergenza ipertensiva è un'emergenza medica, quando la pressione sanguigna aumenta improvvisamente troppo. Una persona che ha un'emergenza ipertensiva deve essere trattata il prima possibile, in modo che non si verifichino complicazioni fatali.

Si dice che una persona abbia un'emergenza ipertensiva se la sua pressione sanguigna sistolica è superiore a 180 mmHg e la sua pressione sanguigna diastolica è superiore a 120 mmHg. Generalmente, le emergenze ipertensive si verificano a causa di condizioni di ipertensione non trattate o non controllate con i farmaci di routine.

Leggi anche: 5 consigli per un digiuno sicuro per le persone con ipertensione

Attenzione ai sintomi di emergenza ipertensiva

Le emergenze ipertensive spesso passano inosservate. Quando si è verificato un danno d'organo, alcuni dei sintomi che possono verificarsi sono:

  • Male alla testa.
  • Disturbi visivi.
  • Dolore al petto.
  • Difficile respirare.
  • Nausea e vomito.
  • Gonfiore dovuto all'accumulo di liquidi nei tessuti corporei.
  • Intorpidire.
  • Gli arti si sentono deboli.

In alcune condizioni, le emergenze ipertensive possono anche causare l'encefalopatia, ovvero quando la pressione sanguigna molto alta colpisce direttamente la funzione cerebrale. I sintomi quando ciò accade possono includere forti mal di testa, visione offuscata, confusione, convulsioni e diminuzione della coscienza.

Se non trattate immediatamente, le emergenze ipertensive possono causare gravi danni agli organi del corpo. Alcune delle condizioni di danno d'organo associate alle emergenze ipertensive sono: ictus , insufficienza cardiaca, danno renale, edema polmonare, infarto. aneurismi ed eclampsie nelle donne in gravidanza.

Leggi anche: Si scopre che questo è il vantaggio del digiuno per le persone con ipertensione

Trattamento per le emergenze ipertensive

Le persone che hanno emergenze ipertensive devono ricevere cure intensive e rigorose in un ospedale. Le fasi del trattamento che di solito vengono eseguite dai medici sono:

  • Monitoraggio delle condizioni fisiche, come la pressione sanguigna e altri esami di supporto, come esami del sangue e delle urine. L'obiettivo è valutare le condizioni generali del malato.
  • Somministrazione di farmaci sotto forma di iniezioni o infusioni, che si concentrano sul raggiungimento della pressione sanguigna target entro 24-48 ore. Questo mira a prevenire danni agli organi più gravi.
  • Dopo una pressione sanguigna stabile, il medico somministrerà farmaci antipertensivi orali per controllare i livelli di pressione sanguigna, sia nella sala di trattamento che a casa.
  • Se le persone con emergenze ipertensive subiscono gravi danni agli organi, è possibile fornire ausili per le funzioni vitali. Ad esempio, respiratori per persone che soffrono di insufficienza respiratoria.

Tieni presente che le emergenze ipertensive possono essere fatali e non sono una condizione da prendere alla leggera. Quindi, impedire che ciò accada è più importante che superarlo. Come? Monitorando regolarmente la pressione sanguigna, almeno una volta all'anno.

Leggi anche: Che è più pericoloso, ipotensione o ipertensione?

Se ha una storia di ipertensione, prenda regolarmente il medicinale prescritto dal medico anche se si sente in salute. Perché, le emergenze di ipertensione possono verificarsi senza sintomi. Inoltre, consultare il medico regolarmente o secondo il programma specificato.

Per rendere tutto più semplice e non c'è bisogno di fare la fila, puoi Scarica applicazione per fissare un appuntamento con un medico in ospedale, se si desidera effettuare controlli di routine. Tuttavia, se in qualsiasi momento si manifestano i sintomi di un'emergenza ipertensiva, recarsi immediatamente all'ospedale più vicino per un trattamento tempestivo e appropriato.

Riferimento:
Linea della salute. Accesso al 2020. Che cos'è l'ipertensione maligna (emergenza ipertensiva)?
Medscape. Accesso al 2020. Emergenze ipertensive.
WebMD. Accesso al 2020. Alta pressione sanguigna e crisi ipertensiva.