Salute

Persone con idrocefalo, le dimensioni della testa possono tornare alla normalità?

, Jakarta – L'idrocefalo è una malattia caratterizzata da un aumento delle dimensioni della testa di una persona. Questa condizione si verifica a causa di un accumulo di liquido nella cavità del cervello, aumentando così la pressione sul cervello. Questa condizione può capitare a chiunque, ma generalmente colpisce neonati e bambini. L'idrocefalo provoca un aumento delle dimensioni della testa nei neonati e nei bambini.

Questa malattia può colpire anche gli adulti. L'idrocefalo negli adulti è solitamente caratterizzato da sintomi di mal di testa insopportabili. Il liquido cerebrospinale viene continuamente prodotto e assorbito dai vasi sanguigni. Questo fluido ha funzioni importanti, come proteggere il cervello dalle lesioni, mantenere la pressione sul cervello e rimuovere i rifiuti metabolici dal cervello. L'idrocefalo si verifica quando la produzione e l'assorbimento del liquido cerebrospinale non sono bilanciati.

Leggi anche: L'idrocefalo può essere conosciuto dall'interno?

Come ripristinare le dimensioni della testa a causa dell'idrocefalo

Il sintomo principale di questa malattia è la dimensione della testa che diventa più grande. Oltre ai neonati e ai bambini, questa malattia è incline ad attaccare gli anziani, cioè oltre i 60 anni. L'allargamento delle dimensioni della testa si verifica a causa di un accumulo di liquido nella cavità cerebrale. Cioè, se il fluido viene trattato chirurgicamente, anche i sintomi diminuiranno.

Nei neonati, l'idrocefalo è caratterizzato da un cerchio della testa allargato in un tempo molto breve. Inoltre, questa condizione provoca anche la comparsa di un nodulo che si sente morbido sulla sommità della testa. I bambini con questa malattia diventeranno anche più esigenti, assonnati facilmente, rifiuteranno il latte materno, vomiteranno, avranno convulsioni e sperimenteranno una crescita stentata.

Leggi anche: Conoscere precocemente i vari fattori di rischio dell'idrocefalo

Nel frattempo nei bambini e negli adulti, i sintomi che compaiono possono essere diversi. L'idrocefalo provoca sintomi sotto forma di mal di testa, perdita di memoria, difficoltà di concentrazione, nausea e vomito, visione alterata, coordinazione corporea alterata, problemi di equilibrio e ingrossamento delle dimensioni della testa. Questa condizione non deve essere presa alla leggera e deve essere trattata immediatamente per non innescare disturbi dello sviluppo fisico e intellettuale del bambino. Negli adulti, l'idrocefalo trascurato può far sì che i sintomi diventino permanenti.

Allora, qual è il modo più appropriato per ripristinare le dimensioni della testa ingrossata a causa dell'idrocefalo?

Prima di iniziare il trattamento, è importante ottenere una diagnosi definitiva della causa dell'allargamento della testa. Per diagnosticare questa malattia, di solito viene eseguita prima con un esame fisico, ovvero osservando la forma e le dimensioni della testa. Mentre negli adulti, il medico chiederà dei sintomi sperimentati. Successivamente, l'esame è seguito dall'imaging tramite ecografia, TAC o risonanza magnetica.

Per il trattamento dell'idrocefalo stesso, i modi efficaci finora noti sono divisi in due, vale a dire:

1. Metodo Shunt

Questo viene fatto inserendo chirurgicamente un tubo nel cervello e collegando un altro tubo flessibile sotto la pelle. Questo serve a drenare il liquido in eccesso nel torace o nella cavità addominale in modo che possa essere assorbito dal corpo.

2. Terza ventricolostomia endoscopica

Questo metodo endoscopico può aumentare il flusso di liquidi in eccesso fuori dal cervello. Viene praticato un piccolo foro nella parte inferiore del terzo ventricolo e il fluido viene drenato per alleviare la pressione. A volte questo metodo viene utilizzato in combinazione con la cauterizzazione del plesso coroideo per ridurre la produzione di liquido nel cervello.

Inoltre, la cauterizzazione del plesso coroideo utilizza una corrente elettrica per bruciare il tessuto che produce il liquido cerebrospinale, il plesso coroideo. Si trovano nei ventricoli laterali del cervello, quindi producono meno fluido nel cervello.

Oltre a come ridurre il liquido in eccesso nel cervello, le madri dovrebbero anche conoscere diversi fattori che si pensa possano innescare uno squilibrio di liquidi nel cervello che innesca l'idrocefalo in modo che possa essere evitato. Questa condizione può verificarsi perché il flusso del liquido cerebrospinale è bloccato in modo che la produzione di liquido cerebrospinale sia più veloce mentre l'assorbimento è rallentato e provoca lesioni al cervello. Mentre nei neonati, questa condizione può verificarsi durante il processo di nascita o qualche tempo dopo la nascita.

I fattori di rischio per l'idrocefalo nei neonati sono emorragie cerebrali dovute a parto prematuro, sviluppo anormale del cervello e della colonna vertebrale e infezioni durante la gravidanza che possono scatenare l'infiammazione del cervello fetale, come la sifilide o la rosolia. In generale, il rischio di questa malattia aumenta a causa di tumori del cervello e del midollo spinale, emorragie cerebrali dovute a trauma cranico o ictus, infezione del cervello e del midollo spinale, lesioni o impatto sulla testa.

Leggi anche: Colpito da idrocefalo, può essere curato?

Bene, questi sono alcuni metodi che possono essere fatti per riportare la dimensione della testa alla normalità a causa dell'idrocefalo. In questo modo, le madri conoscono il modo più efficace per superare la malattia in modo che i problemi che si verificano possano essere risolti immediatamente. Naturalmente, ogni genitore il cui figlio ha questo disturbo vuole che il problema sia innocuo.

Scopri di più sull'idrocefalo chiedendo a un medico sull'app . I medici possono essere contattati sempre e ovunque tramite Video/chiamata vocale e Chiacchierare. Ottieni informazioni su salute e consigli per una vita sana da medici di fiducia. Avanti, Scarica ora su App Store e Google Play!

Riferimento:
Servizio sanitario nazionale del Regno Unito. Accesso 2021. Idrocefalo.
Salute dei bambini. Accesso nel 2021. Idrocefalo.
Clinica Mayo. Accesso 2021. Idrocefalo.
Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Ictus. Accesso 2021. Scheda informativa sull'idrocefalo.