Salute

La mucormicosi potrebbe peggiorare le condizioni del COVID-19? Conosci i fatti

, Jakarta – La recente pandemia di coronavirus è stata associata alla mucormicosi. Conosciuto come fungo nero, la mucormicosi è un'infezione rara e pericolosa. Questa condizione è causata da un gruppo di funghi chiamati mucormiceti e spesso attacca i seni paranasali, i polmoni, la pelle e il cervello.

Puoi inalare le spore di muffa o entrare in contatto con esse nel terreno, nei prodotti in decomposizione, nel pane o nei cumuli di compost. La maggior parte delle persone entrerà in contatto con questo fungo attraverso le attività quotidiane. Tuttavia, è più probabile che ti ammali se hai un sistema immunitario debole, anche quando qualcuno è infetto da COVID-19.

Leggi anche: Attenzione, questi sono 6 sintomi di un sistema immunitario indebolito

È stato scoperto che i sopravvissuti al COVID-19 hanno la mucormicosi e questa condizione ha esacerbato la loro malattia. C'erano anche alcuni sopravvissuti i cui tessuti oculari dovevano essere rimossi per salvare le loro vite.

Il trattamento COVID-19 innesca la mucormicosi

La condizione della mucormicosi è stata collegata all'uso di steroidi, un trattamento salvavita per pazienti gravemente malati e gravemente malati di COVID-19. Gli steroidi riducono l'infiammazione nei polmoni e aiutano a fermare alcuni dei danni che possono verificarsi quando il sistema immunitario si sforza di combattere il coronavirus.

Tuttavia, gli effetti dell'uso di steroidi riducono anche l'immunità e aumentano i livelli di zucchero nel sangue nei pazienti diabetici e non diabetici COVID-19. Si pensa che questa diminuzione dell'immunità possa innescare la condizione della mucormicosi.

Leggi anche: Nuovi fatti sui vaccini Pfizer, non possono essere conservati in frigorifero

Molti pazienti COVID-19 in India che stanno attualmente vivendo un'ondata di corona sono affetti da mucormicosi. La maggior parte sono persone che hanno già una storia di diabete prima.

Alcuni hanno dovuto perdere la vista, alcuni sono sopravvissuti, ma non pochi sono anche morti per complicazioni della mucormicosi. La maggior parte di coloro che hanno la mucormicosi è stata dichiarata guarita dal COVID-19, poi ha contratto il fungo e si è ammalata di nuovo.

I pazienti infetti da questo fungo di solito hanno sintomi di congestione nasale e sanguinamento, gonfiore e dolore agli occhi, palpebre cadenti, visione offuscata e infine perdita della vista.

La maggior parte dei pazienti arriva in ritardo quando ha perso la vista. Quindi l'unico modo in cui i medici dovevano rimuovere l'occhio era chirurgicamente per impedire all'infezione di raggiungere il cervello. In alcuni rari casi, i medici devono rimuovere chirurgicamente la mandibola per fermare la diffusione della malattia.

Un modo per fermare una possibile infezione da lievito è garantire che i pazienti COVID-19, sia durante il trattamento che dopo il recupero, ricevano la giusta dose e la durata degli steroidi.

Attenzione alla mucormicosi nei diabetici

La muffa nera è un fungo che si trova comunemente in aree umide e umide, tra cui terreno, pareti umide di vecchi edifici, letame e frutta e verdura in decomposizione. A causa della loro elevata affinità per i vasi sanguigni, queste infezioni fungine possono bloccare il flusso sanguigno, causando ischemia, infarto tissutale e necrosi.

È stato detto prima che un sistema immunitario sano può combatterlo. Tuttavia, questa infezione può diffondersi rapidamente negli individui immunocompromessi, causando un'alta percentuale di decessi. Quando si diffonde all'occhio, la mucormicosi può causare perdita della vista e cecità, quindi la rimozione deve essere eseguita per prevenire l'invasione letale del cervello.

Leggi anche: 4 malattie della pelle che i diabetici hanno sperimentato

La mucormicosi è un'infezione rara, ma in tutto il mondo sono stati riscontrati casi sporadici e piccoli focolai. Attualmente, insieme all'ondata di COVID-19 in India, sta aumentando anche il numero di casi di mucormicosi.

Il diabete colpisce molte persone in molte parti del mondo, compresa l'India, a causa di un sistema immunitario indebolito, che rende più gravi le infezioni da COVID-19. Inoltre, il COVID-19 danneggia e indebolisce il tratto respiratorio superiore e gli occhi, aumentando la suscettibilità alle infezioni fungine. Un altro fattore che contribuisce è che anche l'uso di antibiotici comunemente prescritti ai pazienti con COVID-19 per combattere le infezioni secondarie può innescare la mucormicosi.

Queste sono informazioni sulla mucormicosi e la sua relazione con COVID-19. Per informazioni più dettagliate su COVID-19, puoi chiedere direttamente al tuo medico attraverso l'applicazione ! Prenditi sempre cura della tua salute e del tuo sistema immunitario.

Riferimento:

bbc.com. Accesso 2021. Mucormicosi: il "fungo nero" che mutila i pazienti Covid in India.

Healio. Accesso nel 2021. Mucormicosi un'infezione fungina rara ma in aumento nei pazienti post-COVID-19.

WebMD. Estratto nel 2021. Mucormicosi: cosa sapere.