Salute

2 fatti sulle donne incinte con HIV e AIDS che devi capire

Jakarta - L'HIV è un virus che causa l'AIDS. L'AIDS stesso è una fase avanzata che si verifica quando il sistema immunitario del corpo diventa molto debole, rendendolo suscettibile di infezioni e complicazioni. Questa malattia è molto pericolosa perché può attaccare tutte le persone, comprese le donne incinte.

La trasmissione dell'HIV alle donne in gravidanza può verificarsi prima della gravidanza, quando le donne non sono consapevoli di essere state infettate in precedenza. La modalità di trasmissione stessa può avvenire attraverso il sangue, lo sperma e dalla madre al feto. È importante riconoscere precocemente i segni dell'HIV durante la gravidanza in modo che la madre e il bambino possano essere salvati.

Leggi anche: 6 miti sugli ultimi modi di trasmissione dell'HIV

Fatti sull'HIV nelle donne in gravidanza che devi sapere

I sintomi dell'HIV nelle donne in gravidanza potrebbero non essere così visibili, quindi non verranno notati all'inizio della sua presenza. Tuttavia, ci sono sintomi dell'HIV nelle donne in gravidanza che devono essere conosciuti. Ecco i fatti sull'HIV nelle donne in gravidanza:

  • Sintomi della fase iniziale

I sintomi dell'HIV nelle donne in gravidanza in fase iniziale di solito compaiono dopo 2-4 settimane che le donne in gravidanza sono infette. In questa fase, i sintomi includeranno mal di testa, febbre, sensazione di stanchezza, eruzioni cutanee, mal di gola e linfonodi ingrossati in alcune aree del corpo. Questi sintomi appariranno come altre malattie.

Per essere sicuri, si consiglia alle donne in gravidanza di consultare un medico presso l'ospedale più vicino. I primi sintomi dell'HIV nelle donne in gravidanza sono generalmente lievi. Tuttavia, questa malattia non è una malattia da sottovalutare, perché coinvolgerà la sicurezza della madre e del bambino.

Leggi anche: HIV e Corona Virus: quali sono le cose a cui prestare attenzione?

  • Sintomi avanzati

Dopo che i sintomi iniziali sono passati, il corpo reagirà all'infezione da HIV in arrivo. La reazione mostrerà una serie di sintomi avanzati, come:

  • Tosse secca.

  • Febbre frequente.

  • Sudorazione notturna.

  • Spesso stanco.

  • Perdita di peso.

  • Linfonodi ingrossati nella zona dell'ascella, della coscia o del collo.

  • Diarrea che dura a lungo.

  • Macchie anomale sulla lingua, in bocca o in gola.

  • Polmonite.

  • Macchie anomale sulla pelle o sotto la pelle.

  • Perdita di memoria.

  • Depressione.

Proprio come i primi sintomi dell'HIV nelle donne in gravidanza, i sintomi avanzati possono anche essere sintomi di altri problemi di salute. Se vedi una serie di sintomi, la madre può consultare immediatamente un medico per determinare quale sia la causa esatta dell'insorgenza dei sintomi. Con la diagnosi precoce e le fasi di trattamento appropriate, madre e bambino possono ancora essere salvati.

Leggi anche: Sintomi di eruzione cutanea dell'HIV, ecco come dirlo

L'unico modo giusto per scoprire se qualcuno ha l'HIV è fare un test HIV. Come spiegato in precedenza, l'HIV nelle donne in gravidanza a volte non mostra sintomi reali, ma le donne in gravidanza sono state effettivamente infettate da questo virus. Per questo motivo, è necessario un esame adeguato all'inizio della gravidanza.

Se la madre assume regolarmente farmaci da prima della gravidanza, è probabile che la carica virale non sia rilevabile nel sangue. Ciò significa che la madre può pianificare un parto normale, perché il rischio di trasmettere l'HIV al bambino durante il parto è molto basso.

Anche se possono svolgere un normale processo di consegna, se il medico vede che la madre è ancora a rischio di trasmettere il virus al bambino, le verrà consigliato di partorire con taglio cesareo. Questa procedura ha un rischio inferiore di trasmettere l'HIV al bambino rispetto al parto normale.

Riferimento:

Associazione americana della gravidanza. Accesso nel 2020. HIV/AIDS.

Medlifeweb. Accesso nel 2020. HIV e gravidanza | Complicazioni, sintomi e trattamento.