Salute

Vaccino per prevenire l'HIV ora in fase di sperimentazione

, Jakarta - I ricercatori hanno finalmente compiuto i primi passi per sviluppare un nuovo tipo di trattamento vaccinale in grado di proteggere le persone dall'HIV. Il virus dell'HIV è ancora elencato come uno dei virus più spaventosi perché attacca l'uomo indebolendo il sistema immunitario. Questa condizione colpisce anche circa 38 milioni di persone in tutto il mondo.

Sono prontamente disponibili trattamenti antivirali altamente efficaci per l'HIV, ma coloro che convivono con il virus devono assumerli per il resto della loro vita e gli effetti sulla salute a lungo termine dell'infezione persistono. Inoltre, l'accesso ai servizi di prevenzione e cura è molto limitato in alcune parti del mondo, quindi i vaccini sono considerati una delle risposte per fermare la diffusione dell'HIV.

Leggi anche: Sii più attento, conosci i sintomi della fase del virus HIV/AIDS

Sviluppo del vaccino HIV con due metodi

Secondo quanto riferito, due team di scienziati dovrebbero iniziare la sperimentazione di un vaccino contro l'HIV basato sulla tecnologia utilizzata per sviluppare un vaccino contro il COVID-19. Le due squadre sono Jenner Institute Oxford University , che è dietro il vaccino Oxford-AstraZeneca COVID-19 e il gigante farmaceutico statunitense, Moderna in collaborazione con Scripps Research . Secondo quanto riferito, le due squadre utilizzeranno tecniche diverse.

Il vaccino contro l'HIV del team di Oxford utilizza un adenovirus modificato estratto dagli scimpanzé, mentre Moderna si basa sull'acido ribonucleico messaggero (mRNA). Questi due metodi vengono utilizzati perché hanno stimolato con successo il sistema immunitario umano contro il COVID-19 nell'ultimo anno.

Nonostante decenni di lavoro, in precedenza gli scienziati non erano riusciti a sviluppare un vaccino efficace contro il virus dell'HIV. Il motivo è che la maggior parte della superficie del virus è ricoperta da molecole di zucchero che non innescano una risposta immunitaria e le aree esposte variano ampiamente.

Come SARS-CoV-2, che è il virus che causa il COVID-19, l'HIV utilizza le proteine ​​spike sulla sua superficie esterna per entrare nelle sue cellule ospiti. Tuttavia, William Schief, Ph.D., professore e immunologo presso Istituto di ricerca Scripps a La Jolla, CA, e direttore esecutivo di Iniziativa internazionale sui vaccini contro l'AIDS (IAVI) ha affermato che la proteina spike nel virus HIV è molto più pericolosa. A causa della rapida mutazione del gene che ha prodotto il picco, l'HIV ha milioni di ceppi diversi. Pertanto, è improbabile che gli anticorpi contro un ceppo neutralizzano l'altro.

Leggi anche: Attenzione, queste sono 5 complicazioni causate da HIV e AIDS

Come i vaccini prevengono l'HIV

Nonostante i successi nello sviluppo di vari vaccini COVID-19, l'HIV rimane molto più difficile da trattare rispetto al coronavirus, data la sua tendenza a rimanere inattivo per lunghi periodi di tempo, a mutare più rapidamente di qualsiasi altra malattia nota e ad essere incorporato nel DNA dei pazienti. . Pertanto, sembra impossibile curare in modo permanente una persona dall'HIV.

prof. Tomas Hanke dell'Università di Oxford ha affermato che “Quando una persona viene infettata da un virus, il virus varia nel corpo. Per il coronavirus, ci sono quattro principali varianti di preoccupazione in tutto il mondo. Ma per l'HIV, gli scienziati hanno a che fare con 80.000 varianti. "

Il team del Jenner Institute mirava a stimolare la produzione di cellule T (che distruggono altre cellule umane già infettate dal virus) tramite un adenovirus modificato, ChAdOx-1, progettato per addestrare le cellule a riconoscere specificamente l'HIV. Le cellule T possono attestare la "debolezza" dell'HIV, prendendo di mira aree "critiche per la sopravvivenza del virus e, soprattutto, comuni alla maggior parte delle varianti virali in tutto il mondo". Il team spera che, in caso di successo, il vaccino possa essere utilizzato per curare i pazienti sieropositivi già nell'agosto di quest'anno.

Nel frattempo, il team di Moderna ritiene che la tecnologia dell'mRNA potrebbe essere in grado di attivare un numero sufficiente di cellule B (la parte del sistema immunitario che produce gli anticorpi per impedire all'HIV di adattarsi al suo ospite). Questa convinzione si basa su uno studio condotto da Scripps Research, che ha scoperto che in un piccolo campione di 48 persone a cui è stato somministrato un vaccino simile, il 97% ha mostrato una forte reazione immunitaria all'HIV.

Il capo di Moderna Europe, Dan Staner, ha affermato di ritenere che la tecnologia dell'mRNA sarebbe stata rivoluzionaria. Questo potrebbe essere qualcosa di spettacolare per gli anni a venire.

Leggi anche: Quanto tempo impiega l'HIV per diventare AIDS?

Tuttavia, mentre il vaccino contro l'HIV è ancora in fase di sviluppo, devi ancora evitare di essere esposto al virus dell'HIV attraverso uno stile di vita sano. Puoi anche chiedere al medico di su cosa si può fare per prevenire l'HIV. I medici saranno sempre a tua disposizione per darti i consigli di cui hai bisogno, sempre e ovunque tramite smartphone -tuo. Pratico no? Dai, usa l'app Ora!

Riferimento:
Notizie arabe. Accesso al 2021. Inizio delle sperimentazioni sui vaccini contro l'HIV.
Notizie mediche oggi. Accesso al 2021. La sperimentazione clinica porta un vaccino contro l'HIV efficace un passo avanti.
Scripp ricerca. Accesso al 2021. Il primo studio clinico sull'uomo conferma il nuovo approccio al vaccino HIV sviluppato da IAVI e Scripps Research.