Salute

Conosci la differenza tra un cleptomane e un ladro

Jakarta - Rubare o prendere gli effetti personali di altre persone senza permesso è un termine associato alle persone con cleptomania. Tuttavia, i due non sono la stessa cosa. C'è una differenza significativa tra cleptomani e ladri, il che potrebbe indicare che le persone con cleptomania non sono in realtà ladri. In realtà, qual è la differenza?

Cleptomania e ladro, qual è la differenza?

Un ladro è qualcuno che prende cose o qualsiasi cosa che non gli appartiene. Questo è un atto criminale, e chi lo compie ha uno scopo, ad esempio a causa di fattori economici.

L'atto di furto è solitamente seguito dalla violenza se il ladro non ottiene ciò che vuole. Se la vittima resiste, il perpetratore non esita a ferire la vittima. Varia anche la refurtiva, che va dal denaro, alle biciclette, agli autoveicoli, ai gioielli.

Leggi anche: Attenzione ai segni di cleptomania nei bambini

Nel frattempo, la cleptomania è una condizione che fa provare a una persona l'impulso di prendere cose che non sono necessarie per uso personale. Questi oggetti vengono spesso raccolti anche se di solito non sono realmente necessari e tendono a finire nella spazzatura dopo essere stati raccolti.

Il malato si sente molto teso, l'adrenalina fuoriesce prima di intraprendere l'azione. Tuttavia, si avverte una sensazione di sollievo quando l'oggetto desiderato è in mano. Questa azione non viene eseguita per esprimere rabbia, vendetta, né come atto di risposta a deliri o allucinazioni.

A volte, i cleptomani conservano gli oggetti che hanno preso. In alcuni casi, l'oggetto viene restituito con discrezione. In parole povere, dietro la sensazione di sollievo, il malato si sente anche depresso o in colpa dopo aver preso l'oggetto. Per questo, non di rado alla fine la merce è stata restituita.

Leggi anche: Questi tratti che sono indicazioni di una cleptomania

Quali sono le cause che qualcuno diventa cleptomane?

Fondamentalmente, la cleptomania viene spesso eseguita dalle donne. I pazienti hanno spesso anche una storia di altri disturbi psicologici, come depressione, disturbo bipolare, disturbi d'ansia, disturbi della personalità, disturbi alimentari e altri disturbi del controllo degli impulsi. Esistono prove che collegano questo disturbo psichiatrico ai percorsi dei neurotrasmettitori nel cervello associati alla dipendenza comportamentale, compresi i collegamenti ai sistemi della serotonina, della dopamina e degli oppioidi.

Ci sono anche esperti che pensano che la cleptomania faccia parte dello spettro dei disturbi ossessivo-compulsivi, perché ci sono prove che questo disturbo sia correlato a disturbi dell'umore, come la depressione.

Cosa si sta facendo per superarlo?

Il trattamento per la cleptomania include una combinazione di cure mediche e terapeutiche. La consulenza può essere svolta in gruppo o individualmente, di solito finalizzata ad affrontare problemi psicologici sottostanti e avere qualcosa a che fare con l'atto di prendere le cose.

Leggi anche: Ecco come comportarsi con un amico cleptomane

Nel frattempo, il trattamento medico viene effettuato somministrando inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina con l'obiettivo di aumentare i livelli di serotonina nel cervello. Inoltre, il medico prescriverà anche naltrexone che può aiutare a ridurre il piacere o gli impulsi associati alla cleptomania.

Non esiste un modo preciso per prevenire la cleptomania e si sospetta persino che la storia genetica svolga un ruolo importante in questo problema. Se ci sono persone più vicine a te che lo sperimentano, puoi chiedere al medico cosa fare, in modo da non sbagliare nel somministrare il trattamento. Usa l'app , perché medici e psicologi ti aiuteranno sempre e ovunque tu sia. Scarica applicazione presto, si!