Salute

Le madri affette da epatite B possono allattare i propri figli?

, Jakarta – L'epatite B è un'infezione del fegato causata dal virus dell'epatite B (HBV), che viene trasmesso dal sangue, dallo sperma o da altri fluidi corporei di una persona infetta. Una donna con epatite B può infettare il suo bambino con il virus durante il parto.

Una madre con epatite B correrà il rischio di infettare il suo bambino durante l'allattamento. Come può accadere e quali sono le misure preventive? Dai un'occhiata alla spiegazione completa qui!

Epatite B e latte materno

Conoscendo il rischio di trasmissione attraverso il latte materno, tutti i bambini nati da madri infette da HBV dovrebbero ricevere l'immunoglobulina dell'epatite B (HBIG) e la prima dose di vaccino contro l'epatite B entro 12 ore dalla nascita.

La seconda dose di vaccino deve essere somministrata a 1-2 mesi di età e la terza dose a 6 mesi di età. I neonati dovrebbero essere testati dopo aver completato la serie di vaccini a 9-12 mesi di età. Questo viene fatto per determinare se il vaccino sta funzionando e se il bambino non è stato infettato dall'HBV attraverso l'esposizione al sangue della madre durante il processo di nascita.

Leggi anche: Come superare i disturbi causati dall'epatite B

Tuttavia, non è necessario ritardare l'allattamento fino a quando il bambino non sarà completamente immunizzato. Il rischio di trasmissione dell'HBV da madre a figlio attraverso l'allattamento al seno è trascurabile se i bambini nati da madri HBV-positive ricevono il vaccino HBIG/HBV alla nascita.

Tuttavia, l'HBV può essere trasmesso dal sangue infetto. Pertanto, se il capezzolo o l'area dell'areola di una madre HBV-positiva è dolorante e sanguinante, dovrebbe interrompere l'allattamento al seno per un po'.

Per mantenere la produzione di latte ancora in produzione, la madre può scartare il latte fino a quando il capezzolo non guarisce. Una volta che il capezzolo non è più screpolato o sanguinante, la madre HBV positiva può riprendere l'allattamento al seno. Potrebbe essere necessaria la raccomandazione di un medico su come mantenere la produzione di latte e le scelte di formula mentre non si allatta.

Vuoi saperne di più sulle cose che devono essere prese in considerazione dalle madri che allattano e sono positive all'epatite B, chiedi direttamente a . Medici esperti nei loro campi cercheranno di fornire la soluzione migliore per te. Come, basta? Scarica applicazione tramite Google Play o App Store. Attraverso le caratteristiche Contatta il dottore la madre può scegliere di chattare attraverso Video/chiamata vocale o Chiacchierata sempre e ovunque.

Conosci i sintomi

Per alcune persone, l'infezione da epatite B diventa cronica, il che significa che dura più di sei mesi. Avere l'epatite B cronica aumenta il rischio di sviluppare insufficienza epatica, cancro al fegato o cirrosi.

La maggior parte degli adulti con epatite B guarisce completamente, anche se i segni e i sintomi sono gravi. Neonati e bambini, d'altra parte, hanno maggiori probabilità di sviluppare un'infezione da epatite B cronica (a lungo termine).

La vaccinazione può prevenire l'epatite B, ma non esiste una cura se si soffre di questa condizione. Se sei infetto, prendere alcune precauzioni può aiutare a prevenire la diffusione del virus ad altri.

Leggi anche: 5 modi per curare l'epatite B a casa

Segni e sintomi dell'epatite B variano da lievi a gravi. Di solito, compare da uno a quattro mesi dopo l'infezione. I sintomi a volte possono comparire anche già due settimane dopo l'infezione. Alcune persone, di solito bambini piccoli, potrebbero non avere alcun sintomo.

Segni e sintomi dell'epatite B includono:

  1. Mal di stomaco.

  2. Urina scura.

  3. Febbre.

  4. Dolori articolari.

  5. Perdita di appetito.

  6. Nausea e vomito.

  7. Il corpo si sente debole e il corpo è stanco.

  8. Ingiallimento della pelle e del bianco degli occhi.

Riferimento:

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Accesso 2019. Infezioni da epatite B o C.
Clinica Mayo. Accesso effettuato nel 2019. Epatite B.